Batterie di Accumulo

Batteria di accumulo RM Projects

COSA SONO
Le batterie di accumulo sono un sistema di batterie ricaricabili che immagazzinano energia elettrica prodotta in esubero dall’impianto fotovoltaico, ossia quella corrente che non essendo necessaria in quel momento al fabbisogno delle utenze, sarebbe ceduta in rete e, grazie allo Scambio Sul Posto sarebbe poi pagata dal GSE circa il 60-70% del costo di mercato.

COME FUNZIONANO
L’energia accumulata durante il giorno potrà essere utilizzata di notte o comunque quando le condizioni di prelievo dovessero superare quelle di produzione evitando di doverla acquistare.
Secondo alcune statistiche, la quota di autoconsumo medio nell’arco dell’anno si aggira intono al 35%. Ovviamente parliamo di media dalla quale ogni utenza può arrivare a discostarsi anche significativamente.
L’installazione di batterie di accumulo, se opportunamente proporzionate, potrebbero portare ad un autoconsumo vicino al 100% con una sensibilissima riduzione della bolletta elettrica.

COSTI

Negli ultimi mesi stiamo assistendo ad un sensibile calo dei prezzi di vendita delle batterie di accumulo. Ciò nonostante, se volessimo fare un semplice calcolo economico, la spesa non giustifica il mero risparmio ottenuto in bolletta. Il tempo di rientro è piuttosto lungo. Tuttavia molto spesso chi sceglie le batterie di accumulo lo fa perché particolarmente sensibile al tema ambientale e quindi per sfruttare al massimo la corrente prodotta con il sole e anche per una ragione strategica di indipendenza.

Lo scoglio dei prezzi è stato ammorbidito con gli incentivi statali che, al momento in cui scriviamo, sono pari al 50% della spesa recuperabile in 10 anni. Da luglio 2020 l’incentivo potrebbe passare al 110% recuperabile in soli 5 anni ed in certe condizioni addirittura cedibile a terzi con uno sconto in fattura dell’intero prezzo di acquisto.


Batterie di Accumulo

COSA SONO
Le batterie di accumulo sono un sistema di batterie ricaricabili che immagazzinano energia elettrica prodotta in esubero dall’impianto fotovoltaico, ossia quella corrente che, non essendo necessaria in quel momento al fabbisogno delle utenze, sarebbe ceduta in rete e, grazie allo Scambio Sul Posto sarebbe poi pagata dal GSE circa il 60-70% del costo di mercato

COME FUNZIONANO
L’energia accumulata durante il giorno potrà essere utilizzata di notte o comunque quando le condizioni di prelievo dovessero superare quelle di produzione evitando di doverla acquistare.
Secondo alcune statistiche, la quota di autoconsumo medio nell’arco dell’anno si aggira intono al 35%. Ovviamente parliamo di media dalla quale ogni utenza può arrivare a discostarsi anche significativamente.
L’installazione di batterie di accumulo, se opportunamente proporzionate, potrebbero portare ad un autoconsumo vicino al 100% con una sensibilissima riduzione della bolletta elettrica.

COSTI

Negli ultimi mesi stiamo assistendo ad un sensibile calo dei prezzi di vendita delle batterie di accumulo. Ciò nonostante, se volessimo fare un semplice calcolo economico, la spesa non giustifica il mero risparmio ottenuto in bolletta. Il tempo di rientro è piuttosto lungo. Tuttavia molto spesso chi sceglie le batterie di accumulo lo fa perché particolarmente sensibile al tema ambientale e quindi per sfruttare al massimo la corrente prodotta con il sole e anche per una ragione strategica di indipendenza.

Lo scoglio dei prezzi è stato ammorbidito con gli incentivi statali che, al momento in cui scriviamo, sono pari al 50% della spesa recuperabile in 10 anni. Da luglio 2020 l’incentivo potrebbe passare al 110% recuperabile in soli 5 anni ed in certe condizioni addirittura cedibile a terzi con uno sconto in fattura dell’intero prezzo di acquisto.